LIBRO QUINTO
Del lavoro
TITOLO II
Del lavoro nell'impresa
CAPO I
Dell'impresa in generale
SEZIONE I
Dell'imprenditore

Art. 2086

Gestione dell'impresa (1)
TESTO A FRONTE

I. L'imprenditore è il capo dell'impresa e da lui dipendono gerarchicamente i suoi collaboratori.

II. L'imprenditore, che operi in forma societaria o collettiva, ha il dovere di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell'impresa, anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell'impresa e della perdita della continuità aziendale, nonchè di attivarsi senza indugio per l'adozione e l'attuazione di uno degli strumenti previsti dall'ordinamento per il superamento della crisi e il recupero della continuità aziendale. (2)



____________________
(1) Rubrica modificata dall. 375 del Decreto legislativo 12 gennaio 2019 n. 14 (Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza) che ha sostituito la denominazione della rubrica «Direzione e gerarchia nella impresa» con l'attuale «Gestione dell'impresa». Ai sensi dell’art. 389 del citato Decreto legislativo, la modifica, entra in vigore il 16 marzo 2019.
(2) Comma aggiunto dall'art. 375 del Decreto legislativo 12 gennaio 2019 n. 14 (Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza). Ai sensi dell’art. 389 del citato Decreto legislativo, la modifica entra in vigore il 16 marzo 2019.

GIURISPRUDENZA

Fallimento – Imprenditore agricolo – Valutazione del giudice – Strutture produttive che si avvalgono della terra come strumento di supporto.
Al fine di valutare la fallibilità dell’imprenditore che esercita attività agricola, il giudice del merito deve esaminare l’atteggiarsi in concreto di detta attività, valutando le attività economiche effettivamente svolte e tendendo presente che il legislatore ha ampliato il concetto di imprenditore agricolo, sostituendo alla nozione di un’agricoltura basata sulla centralità del fondo, una nozione più dinamica ed in linea con la nuova realtà economica, in cui assumono valore prevalente strutture produttive che si avvalgono della terra come strumento di supporto. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Appello Palermo, 13 Marzo 2019.


Rapporto di lavoro – Ferie – Periodo di prova – Ratio – Sospensione.
In ipotesi di godimento di ferie da parte del dipendente, il periodo di prova rimane sospeso e inizia nuovamente a decorrere soltanto con la ripresa dell’attività lavorativa poiché la previsione di un patto di prova è funzionale, da un lato, alla verifica da parte del datore di lavoro delle capacità professionali e della complessiva idoneità del lavoratore avuto riguardo alle obbligazioni tipiche del rapporto di lavoro subordinato; dall’altro, a consentire a entrambe le parti di vagliare la convenienza della possibile futura collaborazione senza vincolarsi da subito a un rapporto di lavoro di lunga durata. (Fabrizio Botta) (riproduzione riservata) Tribunale Milano, 24 Aprile 2017.