LIBRO QUINTO
Del lavoro
TITOLO II
Del lavoro nell'impresa
CAPO I
Dell'impresa in generale
SEZIONE II
Dei collaboratori dell'imprenditore

Art. 2094

Prestatore di lavoro subordinato
TESTO A FRONTE

I. È prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore.


GIURISPRUDENZA

Lavoro – Accertamento della natura subordinata del rapporto – Prova della subordinazione – Incombe sul lavoratore.
Deve rigettarsi la domanda di accertamento e dichiarazione della natura subordinata del rapporto di lavoro in assenza di prove circa l'esistenza di vincoli di orario e di sottoposizione gerarchica al datore di lavoro. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata) Tribunale Cassino, 06 Maggio 2019.


Lavoro – Prova del rapporto di lavoro subordinato – Svolgimento di attività presso il datore di lavoro – Direttive direttamente impartite dal datore di lavoro – Valore probatorio – Affermazione.
Costituiscono indicazioni idonee a suffragare l’esistenza di un rapporto di lavoro subordinato lo svolgimento di un’attività lavorativa presso la sede del datore di lavoro nonché la circostanza che le direttive afferenti lo svolgimento dell’attività vengano impartite direttamente dal datore di lavoro. [Nella fattispecie, i testimoni confermavano lo svolgimento di attività di segreteria presso l’ufficio della società resistente, dove la ricorrente aveva una postazione con scrivania e computer, e che la stessa riceveva le direttive che venivano impartite dal titolare della società.] (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata) Tribunale Cassino, 22 Ottobre 2018.


Società - Di capitali - Società per azioni - Organi sociali - Amministratori - Qualità di amministratore di società di capitali e di lavoratore subordinato della stessa società - Cumulabilità - Condizioni - Prova della subordinazione - Necessità - Contenuto.
Le qualità di amministratore e di lavoratore subordinato di una stessa società di capitali sono cumulabili purché si accerti l'attribuzione di mansioni diverse da quelle proprie della carica sociale ed è altresì necessario che colui che intenda far valere il rapporto di lavoro subordinato fornisca la prova del vincolo di subordinazione e cioè dell'assoggettamento, nonostante la carica sociale rivestita, al potere direttivo, di controllo e disciplinare dell'organo di amministrazione della società. (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. I, 30 Settembre 2016, n. 19596.