TITOLO VI
TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI E DEI RAPPORTI CON I CLIENTI (1)

Capo I-bis
Credito immobiliare ai consumatori

Art. 120-duodecies

Valutazione dei beni immobili (2)
Testo a fronte
TESTO A FRONTE

1. I finanziatori applicano standard affidabili per la valutazione dei beni immobili residenziali ai fini della concessione di credito garantito da ipoteca. Quando la valutazione è condotta da soggetti terzi, i finanziatori assicurano che questi ultimi adottino standard affidabili.

2. La valutazione è svolta da persone competenti sotto il profilo professionale e indipendenti dal processo di commercializzazione del credito, in modo da poter fornire una valutazione imparziale ed obiettiva, documentata su supporto cartaceo o su altro supporto durevole.

3. La Banca d'Italia detta disposizioni di attuazione del presente articolo, tenendo anche conto della banca dati dell'Osservatorio del mercato immobiliare dell'Agenzia delle entrate; ai fini del comma 1 può essere prevista l'applicazione di standard elaborati in sede di autoregolamentazione.

________________

(1) Rubrica sostitutita dall'articolo 4 del D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 141.
(2) Articolo inserito dall'articolo 1, comma 2, del D.Lgs. 21 aprile 2016 n. 72. Per l'applicazione, vedi l'articolo 3, comma 1, del D.Lgs. 72/2016 medesimo.

GIURISPRUDENZA

Bancario - Mutuo in generale - Mutuo fondiario - Nullità per superamento del limite di finanziabilità - Esclusione - Ragioni.
Non è nullo il mutuo fondiario concesso per un importo superiore al valore del bene concesso in garanzia. Nessuna norma del T.U.B. infatti, così come nessuno degli atti di secondo grado richiamati dall'art. 38 T.U.B., stabilisce come dovrebbe essere effettuata la valutazione degli immobili. Inoltre, disposizioni più rigorose in tema di valutazione dei beni in garanzia, da effettuarsi secondo standard affidabili, sono state previste solo con l'art. 120-duodecies T.U.B., introdotto con il d.l. 72/2016, che rimanda alla Banca d'Italia la concretizzazione di detti standard, ma anche nelle nuove disposizioni normative dalla violazione delle prescrizioni sulla valutazione non viene fatta discendere la nullità del contratto. (Giulio Borella) (riproduzione riservata) Tribunale Vicenza, 25 Ottobre 2017.