Diritto dei Mercati Finanziari


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 14104 - pubb. 03/02/2016

Adeguatezza dell’operazione, pregressa operatività dell’investitore ed elementi di prova di segno contrario. Quantificazione del danno e nesso di causalità

Tribunale Milano, 04 Settembre 2015. Est. Antonella Cozzi.


Intermediazione finanziaria - Adeguatezza dell'operazione - Valutazione sulla base della pregressa operatività dell’investitore -  Valore indiziario - Valutazione sulla base di elementi di prova di segno contrario - Necessità

Intermediazione finanziaria - Operazioni inadeguate - Violazione dell'obbligo di astensione - Quantificazione del danno - Nesso di causalità in re ipsa - Onere della prova



La pregressa operatività dell’investitore manifesta la sua passata propensione al rischio e costituisce solo un elemento indiziario del suo generale profilo di rischio, che deve essere valutato unitamente alle altre circostanze note all’intermediario, e che non può valere a modificare il profilo di rischio dell’investitore per tutte le future operazioni, in presenza di elementi di prova di segno contrario. (Emiliano Faccardi) (riproduzione riservata)

La violazione dell’obbligo di astensione di cui all’art. 29 Reg. Consob 11522/1998 comporta la responsabilità dell’intermediario per il danno subito dall’investitore, consistente nella perdita del capitale investito, e non richiede un’ulteriore prova del nesso causale tra l’inadempimento ed il danno. Infatti, l’esecuzione da parte dell’intermediario di un’operazione inadeguata che non doveva eseguire, è una condotta che non solo integra, di per sé, l’illecito - in presenza di un divieto di agire, l’illecito consiste e si consuma nel semplice fatto di agire in violazione di quel divieto –, ma costituisce anche la causa del danno subito dall’investitore, il quale viene esposto al pericolo insito nell’operazione che la norma mirava a prevenire, con il divieto di esecuzione, ritenendola pregiudizievole. (Emiliano Faccardi) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Emiliano Faccardi


Il testo integrale