Crisi d'Impresa e Fallimento


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 13883 - pubb. 22/12/2015

L'incompatibilità del giudice delegato a decidere l'opposizione allo stato passivo non è causa di nullità della sentenza

Cassazione civile, sez. I, 04 Dicembre 2015, n. 24718. Est. Didone.


Fallimento - Opposizione allo stato passivo - Incompatibilità del giudice delegato a far parte del collegio - Nullità della sentenza - Esclusione - Onere di tempestiva ricusazione



Il giudice incardinato presso il tribunale (giudice naturale) ha piena potestas iudicandi anche nei giudizi di opposizione al passivo del fallimento, ancorché svolga parallelamente funzione di giudice delegato. Ne consegue che la norma di cui all'articolo 99, comma 10, legge fall. si traduce soltanto in un obbligo di astensione, la cui violazione comporta un onere di tempestiva ricusazione ex articolo 51 n. 4 c.p.c. e la sua violazione non è, pertanto, a causa di nullità della sentenza. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Il testo integrale