Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 19873 - pubb. 11/01/2018

.

Cassazione civile, sez. I, 16 Marzo 1972, n. 770. Est. Falletti.


Divieto di esecuzione individuali - Limiti - Esecuzione esattoriale - Ammissibilità - Conseguenze



A norma del combinato disposto degli artt. 51 della legge fallimentare e 206 e 227 del testo unico sulle imposte dirette l'esecuzione esattoriale può essere iniziata e proseguita nonostante la dichiarazione di fallimento del debitore, con la conseguenza che il curatore del fallimento non può pretendere di sostituirsi all'esattore, ma deve astenersi da qualsiasi atto esecutivo su beni sottoposti, già prima del fallimento, all'esecuzione esattoriale. (massima ufficiale)


Massimario Ragionato