Diritto e Procedura Civile


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 20367 - pubb. 01/09/2018

Presupposti applicativi della misura interinale inibitoria prevista dall’art. 669 terdecies, comma 6, c.p.c.

Tribunale Massa, 01 Agosto 2018. Est. Maddaleni.


Procedimento cautelare uniforme - Reclamo cautelare - Sospensione dell’esecuzione del provvedimento impugnato - Esecuzione avvenuta - Inammissibilità

Procedimento cautelare uniforme - Reclamo cautelare - Sospensione dell’esecuzione del provvedimento impugnato - Interpretazione della locuzione “quando per motivi sopravvenuti il provvedimento arrechi grave danno” - Riferimento, letterale e sistematico, a motivi fondati su fatti successivi all’adozione del provvedimento di primo grado impugnato



Poiché la misura inibitoria prevista dall’art. 669 terdecies, comma 6, c.p.c. è connotata dalla precipua funzione di impedire l’esecuzione del provvedimento reso in prime cure e impugnato con il reclamo cautelare, è inammissibile l’istanza di sospensione dell’esecuzione del provvedimento concessivo di una misura cautelare investito del reclamo, qualora il provvedimento della cui sospensione si tratta sia stato eseguito, risultando, in tal caso, la misura interinale invocata priva di concreto significato né potendosi, peraltro verso, ordinare la remissione in pristino di ciò che è stato eseguito, non potendosi ricavare dalla citata disposizione la sussistenza in capo al giudice di un siffatto potere conformativo. (Alessandro Morgante) (riproduzione riservata)  

Argomenti di ordine letterale e sistematico militano a sostegno della prospettazione ricostruttiva secondo cui, con la locuzione “motivi sopravvenuti”, contenuta nell’art. 669 terdecies, comma 6, c.p.c., il legislatore abbia inteso postulare il riferimento a motivi radicati su fatti successivi all’adozione del provvedimento investito del reclamo.
Quanto all’argomento letterale, l’adozione del sintagma “motivi sopravvenuti” in luogo di altri, quali “motivi nuovi” o “motivi non in precedenza valutati”, è indice della volontà dei compilatori di radicare il potere presidenziale di sospensione del provvedimento oggetto di reclamo, in via esclusiva, ai motivi fondati su fatti verificatisi successivamente all’adozione del provvedimento reclamato.
Per quanto concerne il dato sistematico, poiché il subprocedimento che conduce all’adozione della misura inibitoria de qua deroga a due principi generali sui quali è imperniato il modello del procedimento cautelare uniforme - id est l’immediata esecutività dei provvedimenti cautelari, per loro stessa natura urgenti, nonché la collegialità della decisione sul reclamo - tale fase incidentale non può risolversi in un improprio vaglio anticipato circa la correttezza del provvedimento impugnato, ontologicamente rimesso al collegio, ma si connota, piuttosto, per l’apprezzamento di una situazione di urgenza, derivante da fatti sopravvenuti alla decisione gravata, incompatibile con i tempi necessari per la definizione del reclamo. (Alessandro Morgante) (riproduzione riservata)  


Segnalazione dell'Avv. Alessandro Morgante


Il testo integrale