Diritto della Famiglia e dei Minori


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 21126 - pubb. 25/01/2019

Cessazione del rapporto con l'impresa familiare e diritto di credito del partecipe

Cassazione civile, sez. IV, lavoro, 06 Settembre 2016, n. 17639. Est. Lucia Esposito.


Impresa familiare - Prelazione del familiare ex art. 732 c.c. - Limite temporale - Individuazione



In tema di lavoro familiare, ai fini dell'individuazione del limite temporale del perdurare del diritto di prelazione e riscatto di cui al comma 5 dell'art. 230 bis c.c. deve aversi riguardo, in virtù del rinvio all'art. 732 c.c., al momento della liquidazione della quota, il quale coincide con il consolidarsi, alla cessazione del rapporto con l'impresa familiare, del diritto di credito del partecipe a percepire la quota di utili e di incrementi patrimoniali riferibili alla sua posizione, restando irrilevante la data del passaggio in giudicato della sentenza che su quel diritto ha statuito, in ragione del prodursi degli effetti della medesima alla data dello scioglimento del rapporto. (massima ufficiale)


Il testo integrale