Diritto della Famiglia e dei Minori


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 21134 - pubb. 29/01/2019

Differenze tra impresa familiare e collettiva e diverso criterio di determinazione degli utili da distribuire

Cassazione civile, sez. I, 02 Dicembre 2015, n. 24560. Est. Lamorgese.


Impresa collettiva e società - Differenze - Inesistenza di quote - Diverso criterio di determinazione degli utili da distribuire



L'impresa familiare di cui all'art. 230 bis c.c. appartiene solo al suo titolare, anche nel caso in cui alcuni beni aziendali siano di proprietà di uno dei familiari, in ciò differenziandosi dall'impresa collettiva, come quella coltivatrice, la quale appartiene per quote, eguali o diverse, a più persone, e dalla società, con la quale è incompatibile. L'inesistenza di quote in base alle quali determinare gli utili da distribuire implica che questi ultimi sono assegnati in relazione alla quantità e qualità del lavoro prestato e, in assenza di un patto di distribuzione periodica, non sono naturalmente destinati ad essere ripartiti tra i partecipanti, ma al reimpiego nell'azienda o all'acquisto di beni. (massima ufficiale)


Il testo integrale