Crisi d'Impresa e Fallimento


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 22328 - pubb. 17/09/2019

Dichiarazione di fallimento: il termine per la notifica al debitore del ricorso e del decreto di fissazione dell'udienza non è perentorio

Cassazione civile, sez. I, 26 Novembre 2018, n. 30538. Est. Campese.


Ricorso per la dichiarazione di fallimento - Decreto di fissazione dell’udienza - Omessa o inesistente notifica al fallendo - Concessione di nuovo termine per notificare - Ammissibilità - Ragioni



In tema di procedimento per la dichiarazione di fallimento, il termine per la notifica del ricorso e del decreto di fissazione dell'udienza al debitore non è perentorio, non avendo il giudizio natura né impugnatoria né bifasica, cioè produttrice di effetti prodromici e preliminari suscettibili di stabilizzarsi in difetto di impugnazione. Pertanto il tribunale fallimentare, nell'ipotesi di omessa o inesistente notifica, in difetto di spontanea costituzione del fallendo, può concedere al ricorrente un nuovo termine entro il quale rinnovarla a pena di decadenza. (massima ufficiale)


Massimario Ragionato



Il testo integrale