Diritto e Procedura Civile


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 23332 - pubb. 06/03/2020

L'integrazione 'ex officio' delle prove testimoniali è espressione di una facoltà discrezionale del giudice

Cassazione civile, sez. VI, 11 Febbraio 2020, n. 3144. Pres. Frasca. Est. Vincenti.


Prova testimoniale - Integrazione "ex officio" della prova testimoniale ex art. 257, comma 1, c.p.c. - Esercizio di una facoltà discrezionale del giudice - Configurabilità - Conseguenze - Censurabilità in sede di legittimità - Esclusione



L'integrazione "ex officio" delle prove testimoniali, ai sensi dell'art. 257, comma 1, c.p.c., è espressione di una facoltà discrezionale, esercitabile dal giudice quando ritenga che, dalla escussione di altre persone, non indicate dalle parti, ma presumibilmente a conoscenza dei fatti, possano trarsi elementi utili alla formazione del proprio convincimento; l'esercizio, o il mancato esercizio, di tale facoltà presuppone un apprezzamento di merito delle risultanze istruttorie, come tale incensurabile in sede di legittimità, anche sotto il profilo del vizio di motivazione. (massima ufficiale)


Il testo integrale