Crisi d'Impresa e Fallimento


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 15006 - pubb. 17/05/2016

Solo una evidente inattendibilità del piano attestato può comportare la negazione del beneficio dell'esenzione dall'azione revocatoria

Tribunale Verona, 22 Febbraio 2016. Est. Platania.


Piano attestato - Revocatoria - Esenzione - Requisiti - Inattendibilità del piano ed elementi di valutazione



La valutazione della inattendibilità del piano attestato, ai fini della revocabilità degli atti posti in essere in esecuzione dello stesso, deve essere accertata in modo rigoroso sulla base di elementi noti in data anteriore e non successiva alla sua esecuzione. La sanzione dell'inapplicabilità dell'esenzione dalla revocatoria può, infatti, essere irrogata solo a seguito dell'accertamento di una completa ed evidente (sia pure in ragione di dati in possesso dei solo creditore) inattendibilità del piano dovuta a contraddizioni interne ovvero a presupposti che per ciò che normalmente può accadere non possono trovare oggettiva concretizzazione. La semplice constatazione che le previsioni imprenditoriali del piano sono caratterizzate da visioni ottimistiche, ma non palesemente fuori da una logica imprenditoriale assennata, non può portare alla negazione del beneficio dell'esenzione dall'azione revocatoria, poiché, altrimenti, si finirebbe per imporre solo l'attestazione di piani più che prudenti e mai ambiziosi (come talvolta è auspicabile che siano) e per di più valutati sotto l'influenza di conoscenze acquisibili solo ex post. (Franco Benassi) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Dott. Simone Veronesi


Il testo integrale